Le maschere di TA SPANTU - Intervista a Bob Marongiu

I protagonisti di TA SPANTU sono quattro eroi dell’energia pulita, quattro maschere scanzonate che veicolano con ironia temi fondamentali come l’ecosostenibilità e il risparmio energetico. Le maschere dei protagonisti, quattro animali esemplificativi dell’ecosistema e del tessuto socioculturale sardo, sono ispirate ai personaggi disegnati dall’artista sardo Bob Marongiu, illustratore e pittore. Gli abbiamo fatto qualche domanda, per sentire direttamente da lui come è stata la prima volta dei suoi personaggi fuori dalle tele.

È la prima volta che i tuoi disegni vengono usati in questo modo: come avete lavorato alla realizzazione delle maschere e che effetto ti ha fatto vedere in 3D i personaggi?


Per la realizzazione delle maschere abbiamo lavorato con lo scenografo Gaspare De Pascali che ha disegnato i modelli in 3D delle maschere. Ci siamo scambiati disegni e studi per creare oggetti funzionali alla scena e che fossero fedeli ai disegni di partenza. Le maschere le ha realizzate Rocco Pisano (per l’azienda di effetti speciali PolyFantasy) in polistirolo e io le ho viste per la prima volta sul set. è stato bellissimo vederle interagire nel più ampio contesto della storia di Ta Spantu e poter notare la carica destabilizzante che hanno. Le maschere in sé passano quasi in secondo piano rispetto alla forza che ha l’idea di usarle nella serie, con i loro colori cartooneschi e i messaggi positivi che portano.

Io mi ero sempre immaginato i miei personaggi muti, o con vocine bambinesche, indistinte, ma dopo avere visto come li hanno “abitati” gli attori, avendoli poi conosciuti e apprezzati come persone oltre che come artisti, per me si sono sovrapposti e ora non potrei immaginarmeli diversi da come li hanno resi Luca, Josafat, Giuseppe e Tiziano in Ta Spantu.

 

Ci racconti la tua esperienza sul set, com’è stato recitare un piccolo ruolo?


Avevo fatto un’esperienza nel lontano 1992, recitando per un saggio di diploma della scuola di arti sceniche di Firenze, che frequentavo, era un remake di Dracula e facevo Jonathan. Questa volta però era la prima volta in un vero set professionale, per me è stato il coronamento di un sogno. è stata un’esperienza meravigliosa.

Credo fortemente che ciò che manca alla Sardegna sia il Cinema, mi piacerebbe che ci fossero tante industrie cinematografiche sull’isola quante sono le industrie pesanti. Dare un corrispettivo creativo all’industria tradizionale, che crei turismo e spettacolo. La Sardegna ha potenzialità infinite, come paesaggi e luoghi che potrebbero andare bene per qualunque film, di qualunque genere. L’esperienza di quest’estate in Marmilla per Ta Spantu, le sinergie che ha creato a livello locale, ci dicono quanto sia facile e soddisfacente dare un senso a molti luoghi poco conosciuti per il cinema. Solo il cinema, inteso come economia, può dare giustizia alla meraviglia della Sardegna.

Leggi tutto...

Anteprima nazionale della Web Series “Ta Spantu”

  • Pubblicato in News

La Fondazione Sardegna Film Commission e Blue Film con la collaborazione del Consorzio Due Giare, BoB Art e Giara Bus, sono lieti di presentare la Serie Web “TA SPANTU” regia di Pierluca Di Pasquale, un film del progetto Heroes 20.20.20. per la promozione e comunicazione dell’efficienza e del risparmio energetico.

11 dicembre 2015 - ore 17.00

Centro di Produzione Culturale MOVE THE BOX

Villa Verde (OR), Via Indipendenza

Nel cast, oltre ai protagonisti Luca Di Giovanni, Josafat Vagni, Tiziano Scrocca, Giuseppe Ragone, Liliana Fiorelli anche Simeone Latini e Gabriele Farci.


Nel paesino di Entufrìttu l’energia elettrica ha iniziato a scarseggiare e il turismo a diminuire. Tutte le attività rischiano di chiudere e i giovani emigrano. L’unico a beneficiare di questa situazione è l’impassibile sindaco che con la scusa dell’emergenza energetica ha il via libera al ripristino delle attività della vecchia miniera. Si oppone a questa situazione Mena, proprietaria di un B&B che si rifiuta di accettare questa lenta agonia. Una sera presa dalla disperazione organizza un gruppo di preghiera e chiede aiuto allo spirito del Montareste, nei secoli sempre invocato nelle situazioni più disperate. L’indomani Mena viene svegliata da tre squilli di campanello. Si alza per andare ad aprire ma rimane letteralmente a bocca aperta…


Le produzioni Heroes 20.20.20 sono per la Sardegna Film Commission un’importante occasione per promuovere buone pratiche di efficientamento energetico tra i cittadini e per diffondere specifici protocolli di produzione sostenibile (green production protocol) nella filiera audiovisiva, utili per ridurre l’impatto ambientale del prodotto audiovisivo durante la sua realizzazione. Sono progetti innovativi che celebrano gli eroi dell’ecosostenibilità e del risparmio energetico in Sardegna.


Blue Film ha realizzato questo film in modo ecosostenibile ed ecocompatibile seguendo un proprio protocollo in grado di ridurre al minimo l’impatto ambientale della produzione.

L'ingresso alle proiezioni è libero fino a esaurimento posti.

titolo ta spantu

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Latest News

Twitter