Nuovi festival per Brasimone

E' ormai passato quasi un anno dalla prima mondiale di Brasimone al Visions du Réel di Nyon, ma il documentario di Riccardo Palladino, prodotto da CamerAmano e distribuito da Blue Film, non smette di raccogliere selezioni e riconoscimenti in giro per il mondo. Questa primavera il calendario delle proiezioni sarà infatti particolarmente fitto. Si comincia dal Canada, a Quebec City il film è infatti in questi giorni protagonista all'International Uranium Film Festival, festival dedicato al cinema "dell'era nucleare" e che replicherà in autunno a Rio de Janeiro. Da questa parte dell'Atlantico invece Brasimone sarà in programma al Trento Film Festival, nelle sezione Terre Alte. Le proiezioni sono in programma i prossimi 2 e 7 maggio, alla Multisala Modena. 

Dopo DMZ Docs lo scorso autunno Brasimone torna anche in Corea del Sud, al Green Film Festival di Seul, dove sarà accompagnato anche da un altro prodotto Blue Film, Sul Vulcano di Gianfranco Pannone. Entrambi i film, selezionati fuori concorso, saranno in programma il 10 e il 14 maggio. A fine aprile poi annunceremo un'altra prestigiosa selezione per Brasimone.

 

Come si narra nelle antiche leggende c'è sempre un mostro ad agitare le acque di un lago. Chi lo considera una minaccia lo tiene a distanza, chi invece ci intravede un'opportunità comincia a conviverci. Attorno alle splendide acque montane del lago di Brasimone, nell'Appennino sopra Bologna, la piccola Sharon vive in un ambiente, in cui l'incantevole natura e la fantascientifica industrializzazione si sono incontrati in un inconsapevole e ambizioso sogno. La vita di montagna, le stagioni e le vicende della storia recente italiana, ruotano attorno alla costruzione di una centrale nucleare, mai entrata in funzione, per ora, dove si studia per un reattore di quarta generazione.

Video

  • Vota questo articolo
    (3 Voti)
  • Pubblicato in News
  • Letto 764 volte
Giacomo Lamborizio

Giacomo Lamborizio (1987), giornalista pubblicista, è laureato in Cultura Editoriale presso la Statale di Milano. Nel 2007 è tra i fondatori di Paper Street, rivista online di informazione culturale di cui attualmente è Vice direttore e responsabile della sezione cinema. Ha lavorato a produzioni di cortometraggi e videoclip indipendenti, collaborato con Editrice il Castoro, scritto per il blog Biennale Theatre Community della Biennale di Venezia. Ha curato, con Lucio Laugelli, il volume "100 registi per cui vale la pena vivere", in corso di pubblicazione presso Falsopiano. Collabora con Blue Film dall'ottobre 2014.

Sito web: https://twitter.com/g_lamborizio

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Latest News

Twitter