Seguimi è il film di apertura della prima edizione di Umbrialand Festival

  • Pubblicato in News

Il prossimo 11 dicembre alle 18.15 presso la Sala dell’Orologio di CAOS Centro Arti Opificio Siri di Terni sarà proiettato Seguimi (In My Steps), il nuovo film di Claudio Sestieri come film d’apertura della prima edizione dell’Umbrialand Festival di Terni, a cura di Roberto Vallerignani. Il film è presentato in concorso nella sezione Indie Film Fest. Alla proiezione saranno presenti il regista Claudio Sestieri e la protagonista Angelique Cavallari.


Questa la presentazione del festival:
Umbrialand è un nuovo progetto appassionato e ambizioso che tende a dare visibilità a giovani artisti provenienti da tutto il mondo, cercando, allo stesso tempo, di promuovere il territorio della regione Umbria. La nostra idea è quella di non fermarci alla passarella mediatica, ma di offrire una vera e propria opportunità ai partecipanti, realizzando, con la prima edizione di Umbrialand, un evento in grado di gettare, tra l’altro, uno sguardo trasversale sul ricco fenomeno produttivo del cinema indipendente. Umbrialand non sarà riservato solo a operatori del settore o a professionisti del mercato, ma coinvolgerà il pubblico con eventi, rassegne, scambi culturali; sarà anche dibattito, formazione, possibilità di crescita economica, sviluppo.


Seguimi (titolo internazionale In My Steps) è un film di Claudio Sestieri, scritto con Patrizia Pistagnesi, prodotto da Blue Film, Eur Film e Green Film, in coproduzione con la società spagnola Gris Medio. Il film sarà distribuito da Stemo Production mentre la distribuzione internazionale è affidata alla TVCO. Nel cast Angélique Cavallari, Maya Murofushi, Pier Giorgio Bellocchio, Antonia Liskova, Marina Esteve e Jose Maria Blanco. Il film è stato girato a Matera e Barcellona.


Marta Strinati, una tuffatrice olimpionica, dopo essersi seriamente infortunata in piscina, si ritrova sola e disorientata. Lascia Barcellona e si trasferisce in un’antica città italiana, affacciata su una natura selvaggia. Marta riapre la casa-studio di suo padre, un pittore morto poco tempo prima, e incontra Sebastian, uno dei tanti artisti del borgo, uomo e pittore dal carisma indiscutibile, dal carattere magnetico, ombroso. Durante una mostra scopre i suoi dipinti, tutti ispirati dalla stessa Musa, una ragazza giapponese perturbante che subito le ispira un forte senso di dejà vu. All’improvviso, la modella dei quadri è al suo fianco, ed è chiaro da subito come questa misteriosa ragazza orientale avrà un impatto decisivo sulla sua vita… L’incontro con Haru, la modella di tutte le tele iperrealistiche della mostra, si trasforma infatti per Marta in una relazione di cui non può fare a meno, una sconvolgente ossessione fisica e mentale. Un caso estremo di Sindrome di Stendhal, o solo un amore forte come la morte?...

Leggi tutto...

DORIS & HONG in concorso a Visioni Fuori Raccordo 2015

  • Pubblicato in News

Sarà proiettato questa sera, 12 novembre 2015, alle 20.30 al CINECLUB DETOUR di Roma il documentario di Leonardo Cinieri Lombroso DORIS & HONG, presentato in prima mondiale e in concorso al festival VISIONI FUORI RACCORDO 2015.

Il documentario, prodotto da Leonardo Cinieri Lombroso, Bruno Tribbioli e Alessandro Bonifazi per Blue Film, con il sostegno di Istituto Confucio, Roma Multietnica, Associazione Italia-Cina e Roma Lazio Film Commission, è stato girato tra Roma e Dalian (Cina) grazie anche a una campagna di crowdfounding su IndieGoGo. 

Hong, una ragazza cinese di ventitre anni amante dell'arte, arriva dalla Cina per studiare all'Accademia di Belle Arti di Roma. Non sa come ha scelto questa città, la casa invece l'ha trovata con un annuncio in Rete. Ha risposto una signora italiana settantenne, si chiama Doris, nata in Eritrea da famiglia italiana nella ex colonia, arrivata in Italia sul finire degli anni '50. Le due donne si incontrano per caso, entrambe forse hanno in mente che sia una convivenza temporanea, ma durerà due anni e molte più cose di quante entrambe possano immaginare giungono nella vita dell'una e dall'altra da questo incontro.

Questo incontro prefigura e racconta l'incontro tra due universi culturali, l'Oriente e l'Occidente, che ormai sempre più velocemente si confrontano, ora espandendosi ora declinando l'uno sull'altro, ora confondendosi l'uno all'inseguimento dell'altro.
Come due fiumi, di due diverse montagne e storie, il corso delle loro vite si intreccia, per poco tempo.

Dopo la presentazione in concorso a Visioni Fuori Raccordo, uno delle più importanti vetrine per il cinema documentario indipendente italiano, il film sarà programmato a Roma in nuovi appuntamenti di prossima definizione.

Per saperne di più:

L'intervista al regista e alle protagoniste su CinaForum

La pagina Facebook del film

Leggi tutto...

Nuovi festival per Brasimone

  • Pubblicato in News

E' ormai passato quasi un anno dalla prima mondiale di Brasimone al Visions du Réel di Nyon, ma il documentario di Riccardo Palladino, prodotto da CamerAmano e distribuito da Blue Film, non smette di raccogliere selezioni e riconoscimenti in giro per il mondo. Questa primavera il calendario delle proiezioni sarà infatti particolarmente fitto. Si comincia dal Canada, a Quebec City il film è infatti in questi giorni protagonista all'International Uranium Film Festival, festival dedicato al cinema "dell'era nucleare" e che replicherà in autunno a Rio de Janeiro. Da questa parte dell'Atlantico invece Brasimone sarà in programma al Trento Film Festival, nelle sezione Terre Alte. Le proiezioni sono in programma i prossimi 2 e 7 maggio, alla Multisala Modena. 

Dopo DMZ Docs lo scorso autunno Brasimone torna anche in Corea del Sud, al Green Film Festival di Seul, dove sarà accompagnato anche da un altro prodotto Blue Film, Sul Vulcano di Gianfranco Pannone. Entrambi i film, selezionati fuori concorso, saranno in programma il 10 e il 14 maggio. A fine aprile poi annunceremo un'altra prestigiosa selezione per Brasimone.

 

Come si narra nelle antiche leggende c'è sempre un mostro ad agitare le acque di un lago. Chi lo considera una minaccia lo tiene a distanza, chi invece ci intravede un'opportunità comincia a conviverci. Attorno alle splendide acque montane del lago di Brasimone, nell'Appennino sopra Bologna, la piccola Sharon vive in un ambiente, in cui l'incantevole natura e la fantascientifica industrializzazione si sono incontrati in un inconsapevole e ambizioso sogno. La vita di montagna, le stagioni e le vicende della storia recente italiana, ruotano attorno alla costruzione di una centrale nucleare, mai entrata in funzione, per ora, dove si studia per un reattore di quarta generazione.

Leggi tutto...

Sul Vulcano al Bif&st di Bari

  • Pubblicato in News

Dal 21 al 28 marzo a Bari torna il Bif&st - Bari International Film Festival, un appuntamento prestigioso giunto alla sesta edizione. Nel ricco programma di anteprime, retrospettive e incontri con grandi maestri del cinema internazionale c'è spazio anche per Sul Vulcano di Gianfranco Pannone.

 

Il documentario prodotto dalla Blue Film con RaiCinema e distribuito da Istituto Luce - Cinecittà è stato inserito nella sezione ItaliaFilmFest Documentari fuori Concorso. Un'altra prestigiosa selezione per il film che, dopo la prima mondiale all'ultimo festival di Locarno, è ancora in programmazione in tutta Italia, accompagnato fedelmente dal regista, ed è stato inserito nella cinquina finalista ai Nastri d'Argento 2015.

 

Il film sarà proiettato il 25 marzo alle 19.15 (Sala Galleria 5) e il 26 marzo alle 20.45 (Sala Galleria 3). Appuntamento a Bari!

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Latest News

Twitter